Link ~

2 luglio 2013

Recensione: Io prima di te | Jojo Moyes

Titolo: Io prima di te. (Me before you.)
Autore, Anno: Jojo Moyes, 2012.
Editore: Mondadori.
Prezzo: 14,90€
Pagine: 391
Rating:
Trama: A ventisei anni, Louisa Clark sa tante cose.
Sa esattamente quanti passi ci sono tra la fermata dell'autobus e casa sua. Sa che le piace fare la cameriera in un locale senza troppe pretese nella piccola località turistica dove è nata e da cui non si è mai mossa, e probabilmente, nel profondo del suo cuore, sa anche di non essere davvero innamorata di Patrick, il ragazzo con cui è fidanzata da quasi sette anni. Quello che invece ignora è che sta per perdere il lavoro e che, per la prima volta, tutte le sue certezze saranno messe in discussione.
A trentacinque anni, Will Traynor sa che il terribile incidente di cui è rimasto vittima gli ha tolto la voglia di vivere. Sa che niente può più essere come prima, e sa esattamente come porre fine a questa sofferenza. Quello che invece ignora è che Lou sta per irrompere prepotentemente nella sua vita portando con sé un'esplosione di giovinezza, stravaganza e abiti variopinti.
E nessuno dei due sa che sta per cambiare l'altro per sempre.
Io prima di te è la storia di un incontro. L'incontro fra una ragazza che ha scelto di vivere in un mondo piccolo, sicuro, senza sorprese e senza rischi, e un uomo che ha conosciuto il successo, la ricchezza e la felicità, e all'improvviso li ha visti dissolversi, ritrovandosi inchiodato su una sedia a rotelle. Due persone profondamente diverse, che imparano a conoscersi senza però rinunciare a se stesse, insegnando l'una all'altra a mettersi in gioco.

«Non sono fatto per vivere su questa trappola, eppure questa è diventata la cosa che mi definisce. È l'unica cosa che mi definisce.»


In ‘Io prima di te’ troviamo da una parte Louis ‘Lou’ Clark, ventiseienne, con una vita che si svolge tranquillamente tra lavoro e famiglia.
Dall’altra parte troviamo Will Traynor, trentacinquenne, bello e ricco, con una grandissima voglia di vivere, viaggiare e fare esperienze.

Le loro vite s’incroceranno quando – dopo aver perso il suo lavoro di cameriera in un bar locale – Lou si metterà in cerca di lavoro e verrà assunta per fare da ‘bambinaia’ a Will, diventato tetraplegico per uno sfortunato incidente di cui è rimasto vittima.
La loro convivenza forzata non inizia nei migliori dei modi, in quanto Will non vede di buon occhio il fatto di essere costantemente osservato da una persona – nel libro verrà spiegato il perché di questa decisione.
Però come tutte le convivenze forzate, piano piano Louisa – con i suoi modi strambi coordinati al suo guardaroba – riuscirà a penetrare nel guscio di menefreghismo e apatia che Will si è costruito negli anni passati dall’incidente.
E come tutte le migliori storie, avranno i loro alti e bassi: il fidanzato di Lou geloso di Will, la poca voglia vivere di Will in alcuni giorni della settimana, una decisione importante che a quanto pare nessuno riesce a capire e ad accettare.
Il rapporto tra i due diventerà qualcosa di profondo, più profondo di una semplice amicizia o di un semplice amore, sarà qualcosa che li legherà per sempre, nonostante tutte le avversità che dovranno affrontare.
‘Io prima di te’ è una di quelle storie che riesce a strapparti a metà con la sua tematica delicata, con i problemi reali che una persona disabile deve affrontare ogni singolo giorno che noi non disabili non riusciamo a capire completamente.
Tra le battutine sarcastiche di Will e le risposte di Lou, tra i comportamenti di Patrick e della signora Traynor, tra discorsi importanti e litigi, questo libro riesce a tenerti incollato alle pagine (e a farti consumare qualche scatola di kleenex).
Ho adorato questo libro dalla prima all’ultima pagina, ho adorato come viene affrontato l’argomento, ho amato ogni singola lettera, virgola e punto.

Questo libro è riuscito a farmi versare lacrime su lacrime, a farmi sentire un peso nel petto che sono riuscita a togliermi solo a lettura finita.
Essendo inoltre abbastanza familiare con questo argomento, è stato veramente fantastico leggere un libro che ha trattato un argomento così delicato in una maniera così fantastica.
Un libro che dovrebbero leggere tutti, per riuscire anche ad aprire un po’ la mente e capire che certe decisioni spettano solo a noi e a nessun altro.
Ovviamente, voto massimo.

E voi che ne pensate?
Lo avete letto o avete intenzione di leggerlo?
Fatemi sapere!

Sunshine.

Nessun commento:

Posta un commento