Link ~

3 novembre 2013

Recensione: Divergent | Veronica Roth

Salve ragazzi!
Dopo aver pianto tutte le mie lacrime per Allegiant (non leggetelo per il vostro bene, non fatelo, credetemi), ho deciso di postare le recensioni dei libri scritti da Veronica Roth.
Quindi iniziamo con Divergent!
Buona lettura e spero di essere stata convincente!




Titolo: Divergent
Autore, Anno: Veronica Roth, 2011.
Editore: De Agostini.
Prezzo: 14,90€
Pagine: 480
Rating:
Trama: La società distopica in cui vive Beatrice Prior è suddivisa in cinque fazioni, ognuna delle quali è consacrata a una virtù: sincerità, altruismo, coraggio, concordia e sapienza. Il momento cruciale nella vita dei cittadini è il Giorno della scelta, che cade allo scoccare del sedicesimo compleanno: ogni giovane sceglie a quale fazione votare il proprio futuro.
Ora tocca a Beatrice, e la sua scelta non solo sorprenderà tutti, ma segnerà per sempre il suo destino, catapultandola in un mondo duro e violento e facendole scoprire le crepe di una società che è tutto tranne che perfetta. Una società che la vorrebbe morta se scoprisse il suo segreto. Perché Beatrice non è una ragazza qualunque, lei è una Divergent.
Una diversa.

  
«Un posto nuovo, un nome nuovo. Posso ricominciare da capo, qui. ‘Tris’ dichiaro risoluta.»


In questo libro ci troviamo in una Chicago futuristica, una Chicago divisa in cinque fazioni che assicurano la pace e l’equilibrio tra le persone che compongono la società.
Ogni fazione è devota a un determinato valore: i Candidi all’onestà, gli Eruditi alla conoscenza, gli Intrepidi al coraggio, gli Abneganti all’altruismo e i Pacifici alla gentilezza.
(Ci sono anche gli Esclusi, cioè coloro che non sono riusciti a superare il rito di iniziazione di una fazione, ma non vengono considerati come parte integrante della società.)
Nella fazione dei Candidi troviamo Beatrice Prior, la protagonista di questo libro; una ragazza semplice a cui le regole dei Candidi non sono mai piaciute granché in quanto non riesce a seguirle, che si trova a dover affrontare il test orientativo per fare chiarezza sulla fazione più adatta a lei.
Ma il suo test risulta inconcludente, in quanto risulta idonea a tre fazioni: Intrepidi, Abneganti e Eruditi; la verità però è che lei in realtà è una Divergente.
Beatrice è confusa in quanto non sa perché è una Divergente e soprattutto non capisce perché la signora che le ha fatto il test le dice di non dirlo mai a nessuno in quanto potrebbe essere pericoloso per la sua vita.

Al momento della cerimonia per la scelta delle fazioni, Beatrice fa una scelta: quella di entrare nella fazione degli Intrepidi, decide di essere egoista e pensare a se stessa e non alla famiglia, sceglie di farsi una nuova vita esattamente come ha scelto di farlo suo fratello Caleb che ha scelto di far parte degli Eruditi (con grande sorpresa di Beatrice).
Diventerà così la Rigida nella fazione degli Intrepidi (nonostante tenti di cambiare vita iniziando a cambiare il suo nome da Beatrice a Tris), non sarà facile per lei farsi valere con tutti gli altri ragazzi che fanno parte dell’iniziazione degli Intrepidi, infatti, verrà presa spesso di mira per il suo essere una ex–Abnegante.
Per lei sarà difficile soprattutto tenere sotto controllo la sua Divergenza, lo farò senza accorgersene, ma attirando l’attenzione di Quattro (nomignolo che spiegherà lui stesso a Beatrice) che cercherà in tutti i modi di aiutarla a tenere sotto controllo questa sua parte.

Tris negli Intrepidi troverà molti amici, come troverà anche molti nemici, troverà l’amore che non sarà facile da tenere stretto a sé, si troverà ad affrontare molte scelte difficili e a dover fare molti atti di coraggio di cui non era nemmeno a conoscenza di avere; si troverà ad affrontare verità che non avrebbe mai pensato possibili.
Si troverà a dover fare attenzione a ciò che dice e fa per non rischiare la propria vita.

Devo dire che la Roth è riuscita a tenermi incollata alle pagine in una maniera assoluta, ho divorato questo libro, ha creato dei personaggi a 360 gradi, ognuno ha i propri pregi e i propri difetti.
Il libro non diventa mai noioso, troppo veloce o incomprensibile, l’autrice descrive tutto perfettamente usando le parole giuste senza una virgola in più o una in meno.
Se amate i distopici dovete assolutamente leggere questo libro, sono soldi ben spesi (e vi innamorerete di Quattro, giuro).

Domanda per voi: che fazione scegliereste se vi si ponesse davanti questa scelta?
Io probabilmente, sfigata come sono, risulterei Factionless e finirei a vivere al di fuori della città; ma nel caso in cui non dovesse essere così molto probabilmente sceglierei di essere un’Intrepida, devo ammettere che non amerei molto il fatto di dover combattere, ma dipingerebbe perfettamente il mio modo di essere: libera e senza vincoli.


Fatemi sapere che ne pensate del libro se lo avete già letto e, invece, se non lo avete fatto: fatemi sapere se lo leggerete o meno!

Sunshine.

6 commenti:

  1. Ciao Alexz e Gioh. Da oggi sono una vostra nuova follower. Diciamo che sono in fase di costruzione del mio blog, se passate da me mi fareste un gran piacere.
    Io ho letto Divergent nei primi giorni di Ottobre e anch'io come te, Gioh, ho divorato questo libro. La Roth è riuscita a catturare la mia attenzione per quasi tutta la maggior parte del tempo. Pieno di colpi di scena, adrenalina alle stelle... Non vedo l'ora che esca il film!!
    Io non so cosa sarei, molto probabilmente sceglierei gli Intrepidi ma poi mi butterebbero subito fuori perchè in verità sono una cagasotto, ma è bello sognare no?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao!
      Innanzitutto grazie mille per seguirci! (Ho iniziato a seguire il tuo blog!)
      Anche io non vedo l'ora che esca il film, promette benissimo e secondo me la Woodley farà un bellissimo lavoro come Tris!

      Certo, alla fine nel mondo creato dalla Roth possiamo essere ciò che vogliamo! (:

      Sunshine.xx

      Elimina
    2. E Quattro?? *sbaaaaaaaaaaaaaaaaaaav* :)

      Elimina
  2. Ciao ragazze ^^ Innanzitutto complimenti per la scelta del nome del vostro angolino....molto veritiero e simpatico :) Ho deciso di seguirvi perché questo blog sembra essere sulla giusta lunghezza d'onda :) Continuate così :) Anch'io ho un piccolo blog sui libri, se vi va di passare siete le benvenute...Intanto mi sono permessa di rubarvi il banner per metterlo qua: http://neversaybook.blogspot.it/p/blog-amici.html spero vi faccia piacere :)

    RispondiElimina
  3. Ciao! :)
    Divergent secondo me è una delle rivelazioni degli ultimi anni. Molti potrebbero pensare che ormai esistono troppi libri di questo genere ma sbaglierebbero: Divergent è unico! ho amato il primo capitolo, adorato Insurgent e pianto per Allegiant, ancora adesso non riesco a spiegarmi alcune scelte di Veronica :'(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Concordo con te!
      Molta gente quando ha sentito la divisione in fazioni ha subito pensato a The Hunger Games (cosa sbagliatissima) e quindi non ha dato meno una possibilità al libro!

      Per quanto certe scelte della Roth non le abbia capite in Allegiant, devo ammettere che le ha fatte giuste, non avrei immaginato una fine diversa o avvenimenti diversi per quel libro! (:

      Elimina